La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

CCIR

I TWEET

Alcuni conglomerati coreani del settore dell’elettronica, sono pronte a mostrare al mondo il primo prototipo di casa intelligente. Con l’intenzione di creare un perfetto mix tra gli elettrodomestici coreani all’avanguardia e l’arredamento di lusso italiano, i primi prototipi sono in mostra al “ Milano Design Week”.

Presso gli stand espositivi di alcune aziende italiane leader nel mercato dell’arredamento, i partner coreani si sono occupati dell’allestimento di un soggiorno arredato con le proprie TV dotate di diodi emettitori di luce, un purificatore d'aria, diffusori per comando vocale e luci intelligenti che circondano i divani in mostra alla kermesse milanese.

Gli stand hanno mostrato  ai visitatori come possono essere utilizzati gli elettrodomestici tramite l’emissione di comandi verbali, tutto comodamente seduti sul divano. Quando un utente dice al diffusore di accendere il televisore, il televisore si accende automaticamente e il divano e le luci sono regolati di conseguenza per garantire la miglior visione possibile del televisore.

Molte aziende coreane hanno dichiarato che continueranno nel futuro a rafforzare le loro partnership con le eccellenze italiane nel campo del living, per quanto riguarda il co-sviluppo delle case intelligenti, inclusa connessione internet e altre tecnologie applicate non solo all'elettronica e agli elettrodomestici di casa, ma anche al mobilio all’arredamento. Partendo dallo sviluppo di divani connessi agli elettrodomestici, le aziende Italiane del settore hanno trovato nei giganti coreani dell’elettronica i partner ideali per lo sviluppo delle tecnologie IoT.

Quello del design “Made in Italy” è un mercato in forte crescita in Corea del Sud, un paese che ha fatto registrare un volume di scambi pari a 82,4mln di Euro nel 2017. Le joint venture nel campo dell’arredamento seguono quelle altrettanto recenti e fruttuose tra marchi di lusso Italiani, anche nel campo della moda e del lifestyle e società coreane d’investimento. Queste joint ventures, negli ultimi anni, grazie a collaborazioni mutuamente vantaggiose e di enorme prospettiva, sempre nel settore IoT e degli accessori, dagli smartphone agli orologi, che hanno ottenuto grandissimo successo in Medio Oriente, Russia, Cina, Corea del Sud e Regno Unito, promettono bene per il futuro del mercato congiunto italo-coreano.

È proprio grazie al successo di queste collaborazioni che sempre più aziende hanno deciso di unire le loro forze per nuovi progetti ambizioso e di investire in modo sinergico nel settore degli accessori IT di lusso. Queste nuove joint venture venderanno in tutto il mondo accessori tecnologici con marchi Made in Italy, in collaborazione con i migliori partner tecnologici coreani e non, mettendo i prodotti Italiani in prima fila nel mercato del design e della tecnologia innovativa.  (Assocamerestero -  Camera di Commercio Italiana in Corea)

 

 

 

EN IT