La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

#Turismo in #Piemonte: nel 2018 superata la soglia dei 15milioni di pernottamenti https://t.co/9pa7d1PBLw di @TribunaEconomic
Concluso #ProcurementForum 2019, appuntamento dedicato al confronto su bisogni e sfide fornite dalla… https://t.co/VVhAyiWlNj
#Russia #Olanda #Slovacchia una ricca offerta di #interviste di alto livello istituzionale nel numero pubblicato og… https://t.co/uJrtwejNY4
Prima pagina del nuovo numero. Rapporti Paese: #PaesiBassi #Russia link all'edicola online per acquistare le copie… https://t.co/OhWGG9HTne

A fine 2018 le startup innovative costituite mediante la nuova modalità digitale sono 2.023. È quanto emerge dalla 10ª edizione del rapporto trimestrale di monitoraggio pubblicato dal MISE, in collaborazione con Unioncamere e InfoCamere. La misura, introdotta con il d.l. 3/2015 e operativa a partire dal luglio del 2016,

consente un risparmio medio stimato di 2mila euro per il solo atto di avvio.

Nel 2018 sono state costituite online 953 startup innovative, contro le 896 del 2017, per un incremento del 6,4% su base annua. Tra le imprese innovative create nell’ultimo trimestre, oltre 4 su 10 hanno optato per la nuova modalità (42,8%, in crescita rispetto al 40,0% dell’intero 2018 e al 39% del 2017).

La Sardegna è la regione con il più elevato tasso di adozione della misura: 7 startup su 10 (70,8%) avviate nell’ultimo anno sono state create online. Tale dato si deve soprattutto al notevole risultato della provincia di Sassari (91,7%).

In termini assoluti, Milano si conferma la provincia più popolosa, con 319 startup costituite online, il 16% del totale nazionale, seguita da Roma, che supera questo trimestre quota 200 (218; 10,9% totale). Chiudono la top-5 tre province del nord: Padova (77), Verona (58), e Bergamo (50). Queste province si distinguono anche per un elevato tasso di adozione della nuova modalità, che in tutti i casi sfiora o supera il 50%. Per contro, province con una popolazione anche importante di startup innovative, come Torino, presentano tassi di adozione molto bassi, talvolta inferiori al 20%.

Anche la durata media delle pratiche varia significativamente tra provincia e provincia: un indicatore dell’efficienza della Camera di Commercio nella gestione della procedura. A fronte di un tempo d’attesa medio di 25,1 giorni tra la costituzione e l’iscrizione nella sezione dedicata del Registro delle Imprese (peraltro in rapida diminuzione col passare dei mesi), in diverse province italiane (tra cui Pesaro-Urbino, Mantova, Verona, Bergamo, Potenza e Padova) la procedura viene completata mediamente in meno di una settimana, e non di rado in un solo giorno.

 

 

 

EN IT